Field Sales: perché sono così importanti oggi

silhouette persone in ombra

Prima il sell in, poi il sell out! In un mercato saturo di prodotti e promozioni la differenza sta tutta nel come si vende un prodotto e questo vale sia che ci si rivolga al consumatore che al buyer.

I Field Sales Account, o Field Sales, sono l’estensione della forza vendita di un brand: si occupano delle vendite dei prodotti dalla trattativa con i buyer alla gestione della rotazione e dell’esposizione sul punto vendita. Quello che li caratterizza è il loro essere totalmente focalizzati sulla vendita di un prodotto specifico, comunicandone qualità e valore aggiunto.

Il lavoro di un Field Sales

Il Field Sales è competente nella vendita di prodotti per specifici brand e settori. Questa figura incentiva principalmente il sell in, ma la sua attività favorisce fortemente anche il sell out.

I Field Sales infatti si relazionano con i buyer delle principali realtà (gdo, gds e retail) agendo in fase di trattativa per spingere la vendita del prodotto. Ma la loro azione non si ferma qui. Essi gestiscono la raccolta di ordini e la rotazione dei prodotti in store, occupandosi anche della corretta esposizione e della visibilità del prodotto stesso sul punto vendita.

Se ti sta piacendo questo post metti SEGUI qui sotto!

Portavoce delle intenzioni commerciali di un brand, l’intera attività di un Field Sales è ovviamente orientata al ROI e al raggiungimento di obiettivi di vendita specifici.

Perché oggi i Field Sales sono così importanti 

L’importanza che oggi detiene un Field Sales sta proprio nella sua competenza in fatto di prodotti, settore e mercato. Questa figura fa vivere il prodotto in ogni fase del processo di vendita, intervenendo anche in attività di trade marketing e visibility per spingerne il sell out.

Da un lato infatti c’è il brand con le proprie linee guida comunicative, i propri target di vendita da raggiungere, il proprio consumatore tipo a cui il prodotto è dedicato.

Dall’altra c’è il canale retail che sceglie cosa vendere in base alle esigenze di consumo della propria clientela e gestisce la visibilità dei prodotti in store secondo le proprie linee guida. A tutto questo si aggiunge il fatto che clientela e regole espositive variano da città a città, da regione a regione influenzando la proposta dei prodotti da inserire nel retail.

Il Field Sales è quella figura che mette d’accordo tutti.

Field sales: l’anello di congiunzione fra brand e buyer

Prima di arrivare al consumatore, il prodotto deve essere scelto dal canale di vendita. Prima il sell in poi il sell out dicevamo.

I Field Sales intervengono proprio in fase di trattativa commerciale facendo leva sia sulle qualità tecniche del prodotto che sulla competitività di mercato.

Più volte però abbiamo parlato di come i consumatori scelgano e sceglieranno i prodotti in base all’esperienza che si aspettano di ricevere con l’acquisto. La rivoluzione del retail è in arrivo e i dati del convegno Supermarket 2020 di Retail Institute Italy lo confermano: il 44% delle persone si aspettano di vivere esperienze in store e solo il 19% si reca in un punto vendita per comprare in base a offerte convenienti.

I buyer non sono tanto differenti dai consumatori: dovendo far fronte al cambiamento, oltre a guardare alla competitività del prezzo, devono essere conquistati anche su quello che il prodotto promette al proprio consumatore in fatto di esperienza.

I Field Sales sono la giusta soluzione: sono l’unione di conoscenza approfondita del territorio, doti commerciali e comunicative e racconto del prodotto, delle sue qualità e di tutto quel mondo di esperienze che promette al consumatore.

Agenzie di field marketing come Free-Way sono in grado di implementare su tutto il territorio reti di Field Sales competenti e aggiornati su settore, canale retail e tecniche di vendita. Sono figure capaci di intercettare le esigenze commerciali dei buyer facendo leva sulla competitività del prodotto da un lato e il desiderio di acquisto delle persone dall’altro, perché prima il prodotto deve essere venduto e raccontato al buyer e poi al consumatore.

Forse può interessarti anche Field Sales & Marketing Specialist: l’evoluzione del Merchandiser.

Anna Puglisi

Author Anna Puglisi

Copywriter & Content Marketer Free-Way

More posts by Anna Puglisi