Comunicare nel punto vendita: intervista a Karin Zaghi #1

Intervista a Karin Zaghi sul visual merchandising
Condividi l'articolo su:

Con così tanti shop online e la comodità di ricevere a casa propria gli acquisti, quello che ancora tiene vivo il retail fisico è l’interazione con il prodotto e la qualità di esperienza vissuta in store. Il valore aggiunto del visual merchandising sta proprio in questo: come ci spiegava nella sua ultima intervista Karin Zaghi, professoressa alla SDA Bocconi, il visual merchandising aiuta a creare un luogo di acquisto dove il consumatore può trovare prodotti con cui interagire, un ambiente che comunichi i valori del brand e materiale POP informativo. Nell’intervista di oggi, la prima di 3 nuove pillole per Free-Way, Karin Zaghi affronta il tema molto caldo del rapporto che si instaura tra Brand, distribuzione e consumatore quando si parla di visual merchandising.

Guarda l’intervista a Karin Zaghi


La comunicazione non è uguale per tutti. Da un lato abbiamo il Brand/l’industria con le proprie linee comunicative, con il proprio mondo valoriale da raccontare. Dall’altro abbiamo il canale distributivo, anch’esso con la sua identità e quindi con le sue guideline espositive che vanno a guardare la buona operatività del punto vendita: diversi marchi da esporre, spazi da gestire, fruizione dello store dal punto di vista del consumatore, linee guida sul category, espositori, lineari e materiali POP.

È qui, nel retail, che brand e canale distributivo si incontrano (e si scontrano) per impostare una comunicazione che rispetti da un lato le direttive comunicative di entrambi, Brand e distribuzione, e dall’altro arrivi al consumatore in modo efficace ed efficiente.

Cartellonistica, PoP, lineari: il materiale espositivo deve permettere al consumatore di scegliere il prodotto di un brand. Ma nella distribuzione spesso convivono più Brand e il rischio è che il consumatore venga confuso da comunicazione di diversi soggetti.

Se ti sta piacendo questo post metti SEGUI qui sotto!

Quello che oggi occorre è quindi una migliore condivisione a monte delle rispettive necessità e obiettivi per capire cosa si può attuare nel punto vendita e cosa no, ma, soprattutto, cosa serve per migliorare la shopping experience del consumatore, vero obiettivo di tutte le parti in gioco.

Se è vero che il visual merchandising deve garantire allineamento e coerenza perfetti rispetto alle strategie di marca, ne consegue che l’attività  del visual merchandiser è multidisciplinare e, potenzialmente, ad alto valore aggiunto.

Forse può interessarti anche 50 sfumature di retail: cosa rende irresistibile lo store?

Follow Us:

Vuoi saperne di più? Iscriviti alla Newsletter Free-Way

  • Potrai cambiare idea in qualsiasi momento facendo clic sul link di disiscrizione nel piè di pagina di ogni nostra email o contattandoci a info@freeway.it Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy. Cliccando qui sotto, acconsenti al trattamento dei tuoi dati per le finalità sopra descritte.

Anna Puglisi

Anna Puglisi

Responsabile Comunicazione, Copywriter & Content Marketer per Free-Way