Free-Way al fianco di Coyote nel field marketing

By 21 giugno 2018Case History
Free-Way e Coyote

In pubblicità c’è Jean Alesi come testimonial Coyote, ma sul territorio c’è Free-Way, agenzia di field e trade marketing protagonista di un progetto verticale che da una semplice attività di merchandising ha portato all’apertura di 9 Shop In Shop e all’attivazione di un servizio di customer care dedicato a Coyote.

“Be Coyote, drive Coyote”

Coyote non è semplicemente un prodotto per la navigazione ma un servizio di assistenza alla guida. Sia app che dispositivo segnalano la presenza di autovelox, strada dissestata, visibilità ridotta, code, incidenti e molto altro per permettere una guida sicura e senza multe. Un prodotto in contro tendenza con i tempi, diranno alcuni, con Waze e Google Maps che si spartiscono il mercato degli automobilisti. Ma il target di Coyote è composto da coloro che con l’auto viaggiano molto o magari ci lavorano, coloro che vogliono avere un copilota al proprio fianco e non semplicemente un’app che ricalcola il percorso.

Questo copilota virtuale ha il proprio cuore pulsante nella Community Coyote, costituita da coyoteisti che inviano segnalazioni in tempo reale sulle strade di tutta Europa agli ingegneri Coyote che a loro volta le analizzano e le filtrano per trasformarle in allert per altri utenti.

Per affermarsi sul territorio italiano e far conoscere il nuovo modo di guidare in sicurezza, Coyote ha scelto Free-Way come proprio partner, ben consapevole del ruolo chiave che il punto vendita gioca nella customer journey delle persone.

La strategia field guidata da Free-Way

Tutto nasce nel 2016 quando Coyote necessitava di 3 merchandiser per supportare le azioni nei punti vendita italiani. Da 3 i merchandiser sono diventati 5 e da merchandiser si sono evoluti in veri e propri Brand Ambassador. Come mani e occhi di Coyote, queste figure si muovono nelle rispettive aree di competenza per incrementare sell in e sell out, agendo sul riordino di prodotto, gestendo attività di visual, ingaggiando clienti di settore con fiere ed eventi, come il Motor Show,  ma soprattutto svolgendo azioni di training per addetti vendita delle catene di Elettronica di Consumo, retailer e specialisti di vendita Coyote.

L’azione del progetto Free-Way per il Brand infatti è duplice: da un lato fidelizza il Trade, dall’altro crea esperienza di prodotto nel B2C.

Azioni per il Trade

Prima c’è il sell in poi c’è il sell out. Il prodotto viene venduto nella grande distribuzione specializzata in elettronica di consumo e nei punti vendita di settore come Norauto, Bets o i Coyote Center Point, store certificati per la vendita degli abbonamenti Coyote.

Per fidelizzare i retailer, i Brand Ambassador Free-Way organizzano eventi e momenti di incontro volti a far vivere il prodotto a coloro che devono venderlo e raccontarlo tutti i giorni. Per fidelizzare gli addetti vendita delle GDS, invece, i BA agiscono sulla formazione, completata da una sessione online sulla piattaforma Free-Way Learning alla fine della quale ottengono un attestato di formazione e una prova dell’abbonamento Coyote.

Il training per gli addetti vendita passa anche attraverso eventi di presentazione di prodotto volti a fidelizzare questi staff. Un esempio è la gara di Go Kart avvenuta dopo la presentazione dei prodotti Coyote. Ovviamente i vincitori della gara si sono aggiudicati il prodotto Coyote.

Azioni per il B2C

Per far vivere il prodotto al consumatore, Free-Way gestisce tutte le azioni field sul territorio, come attività di merchandising, promo in store e realizzazioni di materiali durevoli e semi durevoli. Azioni che nel tempo hanno portato alla progettazione, realizzazione e implementazione da parte di Free-Way di 9 Shop In Shop Coyote posizionati in alcuni punti vendita del Nord e Centro Italia.

Una delle tipologie di Shop In Shop per Coyote

Una delle tipologie di Shop In Shop per Coyote

Un progetto pilota, quello dei SIS, che nasce in concomitanza con le nuove promo Coyote ma che si presenta già vincente. Come afferma Simona Valt, Project Manager Free-Way per Coyote, questi Shop In Shop non sono solo punti espositivi né semplici rivenditori: gli staff dedicati agli Shop In Shop sono veri specialisti per la vendita del prodotto. Selezionati e formati da Free-Way, svolgono un’azione di consulenza oltre che di vendita per i futuri e gli attuali coyoteisti, spiegando perché investire in un abbonamento per la navigazione sicura e attivando gli abbonamenti per gli utenti.  Gli Shop In Shop – continua Simona – sono punti di vendita, di interesse, di consulenza, in vero spirito Coyote.

L’azione B2C continua con il servizio Customer Care Free-Way dedicato a Coyote, un’attività inbound e outbound che si occupa di prestare consulenza in tempo reale sul prodotto e fare push su nuove promo e servizi, via chat o via telefonica.

Specialista di vendita Coyote in una tipologia di SIS

Specialista di Vendita Coyote in una tipologia di SIS

Un progetto completo

Materiali, persone, merchandising, consulenza: il progetto Free-Way per Coyote trova la sua completezza nella fase di analisi e reportistica. “La vera analisi viene svolta sui Brand Ambassador – spiega Simona. I BA hanno diversi target da raggiungere ma soprattutto vengono misurati sul sell out. Per la tipologia di azioni che svolgono all’interno del progetto, infatti, queste figure diventano dei driver di sell out. Grazie al nostro applicativo TeamHaven è possibile monitorare e misurare settimanalmente tutti i risultati”.

Perché senza analisi non si va da nessuna parte.

Leggi anche Retail Tomorrow 2018: è il centro del punto vendita

 

Anna Puglisi

Author Anna Puglisi

Copywriter & Content Marketer Free-Way

More posts by Anna Puglisi