HR a confronto. Intervista doppia a Roberta e Lorenzo

By 5 Maggio 2017 24 Luglio, 2017 Formazione, Interviste
Roberta e lorenzo: due HR a confronto
Condividi l'articolo su:

Selezionare, formare, fidelizzare: questi i concetti chiave dell’intervista fatta a Roberta, Consulente HR AxL, e Lorenzo, HR Manager Free-Way.

Con più di 150 dipendenti fra promoter, merchandiser e field sales, sparsi sul territorio e dedicati a diversi brand, Free-Way si avvale anche delle competenze del suo partner AxL per la selezione e la gestione delle risorse umane.

Come e perchè ce lo spiegano proprio Lorenzo e Roberta in un’intervista doppia che svela come avviene la gestione delle risorse umane per un’agenzia di field marketing come Free-Way.

Selezionare, il primo compito di un HR

La selezione di una figura è un processo tutt’altro che semplice. La selezione tocca tre sfere: quella economica, intesa come l’incontro tra chi cerca un lavoro e chi lo offre, quella legale, circa la forma contrattuale, e quella psicologica che comprende l’analisi del carattere, delle skills e delle motivazioni personali del candidato a intraprendere una professione.

Grazie alla partnership con AxL, Free-Way integra all’occorrenza le proprie competenze interne per gestire in maniera ottimale l’iter burocratico dell’assunzione, mettendo a disposizione del Cliente tutte le possibilità che il ventaglio contrattuale consente.

Se ti sta piacendo questo post metti SEGUI qui sotto!

Fluidità del meccanismo, velocità, competitività economica: questi i valori aggiunti della partnership di Free-Way con AxL.

Formare e fidelizzare: il compito costante di un HR

Una volta risolta la parte burocratica è sul concetto di fidelizzazione che bisogna lavorare.

Esistono progetti che Free-Way intraprende ormai da parecchi anni con alcuni brand. Il successo di queste collaborazioni è possibile se tutte le parti in causa mirano allo stesso obiettivo: agenzia, brand, personale. Ed è qui che si comprende l’importanza della fidelizzazione dello staff: se motivato a partecipare al progetto, il personale diventa a tutti gli effetti una risorsa umana per il brand.

In questo caso, l’obiettivo di un’agenzia come Free-Way è creare nel personale sia senso di appartenenza verso l’agenzia stessa che nei confronti del brand per cui opererà sul retail. Una fidelizzazione duplice quindi che deve essere instaurata prima e coltivata durante il periodo lavorativo.

Come spiegano Lorenzo e Roberta, gli strumenti per fidelizzare sono principalmente quattro: il team building, dove l’esperienza di un’attività fuori dagli schemi crea legame tra lo staff e l’account che ne è a capo, gli assessment e le formazioni messe a disposizione dal Formatemp, che accrescono nel personale professionalità e quindi sicurezza nello svolgere la propria mansione, e la tipologia contrattuale dell’assunzione.

E i benefici sono tutti per la risorsa umana da un lato e per il brand cliente dall’altro: solo se una figura è preparata e si sente motivata potrà portare risultati.

Forse può interessarti anche Omotenashi: il volto vero della customer experience | #1

Follow Us:

Vuoi saperne di più? Iscriviti alla Newsletter Free-Way

  • Potrai cambiare idea in qualsiasi momento facendo clic sul link di disiscrizione nel piè di pagina di ogni nostra email o contattandoci a info@freeway.it Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy. Cliccando qui sotto, acconsenti al trattamento dei tuoi dati per le finalità sopra descritte.

Anna Puglisi

Anna Puglisi

Responsabile Comunicazione, Copywriter & Content Marketer per Free-Way